notizie internazionali
17/07/2022
MTB-O: PECORARI ANCORA SUPER. E' 2^ NELLA LONG JUNIOR
Squadra Naz.

FALUN (SVE): Dopo aver corso con i maschi, senza sfigurare in M20 ieri nella Staffetta mista, oggi Iris Aurora Pecorari regala all'Italia una nuova grande soddisfazione con una medaglia d'argento nella prova Long Junior.

A vincere la sua categoria è Kaarina Nurminen (Fin 76:24) che precede Pecorari di 3:57". A seguire Natali Chamrada (Czechia +05:56).

Meno bene oggi i ragazzi Junior con 24° posto per Michele Traversi Montani, +17:03, e 26° Matteo Traversi Montani, +17:22.

Nella categoria assoluta dominano nazioni dalla forte tradizione orientistica con lo svedese Marcus Jansson 112':47", tra i maschi, che precede, Krystof Bogar (Czechia  +01:32) e Andre Haga (Finland +03:05).

Al femminile la britannica Emily Benham Kvale (95:56) batte Camilla Soegaard (+01:07) danese, e la finlandese Ruska Saarela (+02:01).

LA GARA DI PECORARI: L'azzurrina parte in 7^ posizione e imposta la propria gara senza particolari sbavature. Già al 2° intermedio, dopo 42' di gara è risalita in 3^ piazza. Per lei una condotta regolare che la porta a veleggiare in zona podio. Il suo distacco dalla leader Nurminen (sempre prima a tutti gli intertempi) si dilata e passa dai 2':23" ai 3':49". Nel finale Pecorari cresce, rispetto alle altre, e passa seconda scavalcando la finlandese Silja YliHietanen che nel frattempo frana al 4°. Da qui in poi si allarga il suo margine sulle altre, ma pure il suo svantaggio dalla prima. Il gap sulla terza, Natali Chamrada, è comunque rassicurante e sfiora i 2'.

Sulla sua strada dunque Pecorari trova ancora Kaarina Nurminen, che al momento sembra avere un altro passo rispetto a tutte le altre nella distanza lunga.

Alla friulana vanno anche i complimenti del presidente FISO, Sergio Anesi, e del Responsabile di settore, Adriano Bettega oltre che da tutti i tifosi del mondo orientistico.

La stessa azzurra, al termine della sua prova commenta il risultato che le vale la 5^ medaglia internazionale nel suo breve, ma già ricco palmares.

“La dedica ed il primo pensiero va sicuramente a mia mamma (Clizia Zambiasi ndr) che mi sostiene sempre”. 

Il riassunto di quello che è stata la gara: “Sono partita facendo fatica nella parte tecnica iniziale, dove ho perso un po’ di tempo. Una volta giunta alla tratta lunga ho tirato alla morte fino all’arrivo senza risparmiare energie. Con il senno di poi non sono sicura di aver fatto la scelta giusta. Lo potremo capire solo dall’analisi più accurata della sera. Per il momento mi godo il risultato, felice della mia gara”.

Gli atleti hanno gareggiato in una giornata più calda rispetto a quelle precedenti, dove era stato necessario anche indossare i capi termici.

Ora si guarda alle prossime gare (Sprint e Mass Start), e torneranno in campo anche gli Elite con rinnovate ambizioni. In particolare Fabiano Bettega che punta alla Sprint. Oggi al via Luca Dallavalle, 40°, e  Piero Turra, 41°. 

Pecorari conclude. “Mi piacerebbe conquistare un’altra medaglia, anche se sarà meno semplice, visto che le mi prove preferite sono andate”.

Infine la dichiarazione del tecnico Simone Bettega: "Anche oggi i giovani continuano il loro ottimo mondiale. Una gara long molto particolare che in alcuni tratti presentava fitte reti di sentieri al 15:000 molto difficili da interpretare. Questo ha creato problemi anche ai nostri giovani. Iris ancora una volta ha dimostrato la sua stoffa, conquistando un meritatissimo argento nonostante qualche sbavatura iniziale. I due fratelli Traversi un po’ al di sotto delle loro aspettative".

Una considerazione personale: "Sono molto soddisfatto delle gare svolte da tutti e tre e dei risultati ottenuti fino ad ora. La zona di gara odierna sarà la stessa anche per le prossime due gare (sprint e mass start) faremo tesoro degli errori di oggi per essere più competitivi nei prossimi giorni". 

Laura Scaravonati: “Giornata decisamente no per i due Elite in gara oggi nella Long. Molti grossi errori da parte dei grandi nomi del movimento (azzurri compresi). Luca Dallavalle ha perso la borraccia su un single track molto impegnativo e ha gareggiato per tutto il tempo (139’35”) senza acqua. Non è comunque stato questo inconveniente a farlo retrocedere al 40° posto.”

Domani una giornata di meritato riposo con sgambata e massaggi. 

CLASSIFICA ME:

1 Marcus Jansson Sweden 112:47
2 Krystof Bogar Czechia  +01:32
3 Andre Haga Finland  +03:05

DONNE:

1 Emily Benham Kvale Great Britain  95:56
2 Camilla Soegaard Denmark  +01:07
3 Ruska Saarela Finland  +02:01

GLI AZZURRI:

2 Iris Aurora Pecorari Italy Women 20  +03:57
24 Michele Traversi Montani Italy Men 20  +17:03
26 Matteo Traversi Montani Italy Men 20 +17:22
40 Luca Dallavalle Italy Men  +26:48
41 Piero Turra Italy Men +28:23

 

P.I.

PARTNER UFFICIALI FISO