notizie internazionali
27/10/2019
LA POL. MASI E' CAMPIONE D'ITALIA SPRINT RELAY
Nazionale

 

BARDOLINO: Per la seconda volta nella sua storia, la Polisportiva Masi (Viola Zagonel, Samuele Curzio, Alessio Tenani) si laurea Campione d'Italia della Sprint Relay. Secondo posto per US Primiero (Francesca Taufer, Mattia Debertolis e Giacomo Zagonel) a 14". Bronzo per l'Ori Tarzo (Jessica Lucchetta, Federico Venezian e Mattia Ferrari) a 45".

La prova Elite ha visto il primo cambio con Anna Caglio della Polisportiva Besanese in testa. Nella seconda frazione è stata una lotta tra Samuele Curzio e Mattia Debertolis (che aveva preso il cambio da Francesca Taufer) e Federico Venezian (Ori Tarzo) che aveva avuto il cambio da Jessica Lucchetta. In terza frazione una lotta tra Alessio Tenani e Giacomo Zagonel. Il distacco tra i 2 è sempre stato limitato a 4-5" per poi allargarsi agli ultimi 2 punti.

Come a Bobbio, 2 anni fa, la Polisportiva Masi ha fatto una doppietta con anche il team Junior (Caterina De Nardis, Marcello Lambertini, Enrico Mannocci) su Primiero (Anna Pradel, Nicolas Loss, Lorenzo Brunet) e Primiero 2 (Nicole Riz, Marco Orler).

Ancor più incerta la gara Young con GS Pavione (Giulia Gobber, Chris Franceschinel, Diego Scalet) che sono giunti al traguardo al termine di uno sprint incertissimo con US Primiero (Rachele Gaio, Mattia Corona e Paride Gaio). Terza la Pol Besanese (Valentina Cazzaniga, Dario Malaguti, Marco Di Stefano).

Il commento dei vincitori: "Il lancio è andato subito bene e nella seconda frazione abbiamo mantenuto la posizione. Nel finale siamo usciti bene, ottenendo l'obiettivo che ci eravamo prefissati. Con il doppio successo, anche con i giovani, abbiamo dimostrato di esserci e per loro è gratificante". 

La prova odierna è stata caratterizzata da molti arrivi allo sprint e da molti cambi di leadership. L'evento si è svolto in una bellissima location in riva al Lago di Garda con molto pubblico a guardare le fasi di corsa. A Bardolino è intervenuto il Commissario Straordinario Sergio Anesi.

Il commento degli organizzatori spetta a Cristian Bellotto dell'Erebus Vicenza. "Il risultato organizzativo è stato ottimo. Abbiamo avuto un po' di affollamento in alcuni punti ma le gare in città presentano sempre più incognite rispetto a quelle in bosco. Per questo abbiamo posizionato più gente nei punti nevralgici per tutelare i concorrenti. L'importante è che dal punto di vista tecnico sia andato tutto al meglio".

Bellotto è positivo anche sulla sinergia tra le 2 società: "Non è sempre sempre semplice lavorare con gruppi differenti ma direi che la proattività di Orient Express di Diego Milani ha contribuito all'ottima riuscita dell'evento".

(Il podio della Coppa Italia Elite che vede vincitori Alessio Tenani e Verena Troi premiati da Sergio Anesi).

p.i.

 

Allegati

PARTNER UFFICIALI FISO