notizie internazionali
01/05/2000
NUMERO 2000/2 28 febbraio
Tutti
La data di scadenza per l'adesione é cambiata!



Il termine ultimo per la presentazione della candidatura al fine di organizzare le seguenti manifestazioni IOF di corsa d'orientamento e sci-o é stato spostato al 31 marzo 2000:



· Coppa del Mondo di corsa d'orientamento nel 2004

· Campionati del mondo Junior di sci-o nel 2002 e nel 2003

· Campionati del Mondo Master di sci -o nel 2002 e nel 2003

· Coppa del Mondo di sci-o nel 2003





I moduli per la presentazione della candidatura sono stati dati alle federazioni il 15 novembre 1999 (in occasione della Coppa del Mondo di Corsa d'orientamento) e il 23 novembre 1999 (gare di sci-o). Si possono ricevere altri moduli e altre informazioni scrivendo a

IOF Secretariat

Radiokatu 20,

FI-00093 SLU, FINLAND

Tel.: + 358 9 3481

Fax: + 358 9 3481 3113

e-mail: iof@orienteering.org



*************************************************************



IL RICONOSCIMENTO DEL GRUPPO AMBIENTALE IOF



Durante l'incontro di dicembre 1999, il Consiglio IOF ha approvato i campi d'interesse per il Gruppo Ambientale (Environmental Group). I campi d'interesse erano stati proposti dal Gruppo stesso ma il Consiglio aveva obiettivi di piú ampio respiro e si é proposto di far sapere all'intero mondo dello sport i fini ambientalisti che l'orientamento persegue.



Gli obiettivi da perseguire sono:



1. promuovere il rispetto ambientale nell'Orientamento in accordo con la politica ambientalista della Federazione Internazionale.

2. fornire informazioni e assistenza per ogni questione di carattere internazionale che abbia a che fare con l'orientamento e l'ambiente

3. preparare delle linee guida per le manifestazioni IOF ricorrendo ai codici di comportamento giá emessi dalle nazioni affiliate.

4. essere consapevoli di promuovere nel mondo dello sport una sempre migliore competitivitá e, allo stesso tempo, rendere il mondo dello sport consapevole dei fini ambientalisti perseguiti dall'orientamento.

5. favorire una maggiore cooperazione tra il Gruppo Ambientalista e le commissioni IOF;

6. individuare coloro che nelle nazioni affiliate si occupano di questioni ambientali (ed eventualmente incoraggiarne la formazione dove necessario) e compilare un registro dei contatti.

7. creare un database di documenti di carattere scientifico e tecnico di una certa importanza per le questioni ambientali nell'orientamento e, come richiesto, tradurre in inglese i documenti di interesse internazionale.

8. studiare attentamente e in modo critico il materiale scientifico e tecnico, diffondendone l'importanza e suggerendo un eventuale ulteriore approfondimento.



I membri del Gruppo Ambientale incaricati di adempiere ai suddetti impegni sono:



Brian Parker GBR, Presidente, e-mail: brian.parker@virgin.net

Maria Silvia Viti ITA

David Hogg AUS

Äke Barklund SWE (ma vive in Kenya)

Ernst Gruhn GER





Il Presidente e qualunque membro del gruppo saranno felici di ricevere qualunque osservazione sull'orientamento e sull'ambiente comunicata con ogni mezzo: a voce, con la posta elettronica, su carta o anche per trasmissione del pensiero.



********************************************************************



COMUNICAZIONE ALLE FEDERAZIONI



Signor/Signora Presidente,

La sua Federazione é interessata all'Orientamento e all'Ambiente?

Può darsi che nel suo Paese l'orientamento abbia molto a che fare con questioni di carattere ambientale e quindi la sua risposta sia un deciso "Sí". Può darsi che lei al momento non sia particolarmente coinvolto in questioni di carattere ambientale ma speriamo comunque di suscitare in lei un qualche interesse.... Sarebbe di grande aiuto al lavoro che il Gruppo Ambientale IOF sta svolgendo se ogni Federazione nominasse un responsabile ambientale col quale aprire un canale di comunicazione.

Se l'orientamento all'interno della sua Federazione é giá ampiamente coinvolto in questioni ambientali, ciò non significa che per noi non sia di alcun interesse. Nelle investigazioni scientifiche i risultati equivalenti a zero sono spesso tanto validi quanto i valori di segno positivo.

Una sua risposta al Segretario Generale della IOF e/o al sottoscritto sará molto gradita. L'uso della posta elettronica é preferibile ma non essenziale.



Grazie in anticipo



Brian Parker

Presidente (Chairman)

IOF Environmental Group

brian.parker@virgin.net



************************************************************************



ISOM - DALLE LINEE GUIDA ALLE NORME



La versione riveduta delle Norme Internazionali per le Cartine da Orientamento (ISOM 2000, International Specification for Orienteering Maps) é entrata in vigore l'1 gennaio 2000. Quanto segue é il riassunto di un documento scritto da Andreas Dresen, responsabile del Progetto ISOM 2000 (ISOM 2000 Project Team) della Commissione Cartine IOF.



Come sono cambiate le norme per il disegno della cartina



Le prime gare di orientamento furono fatte basandosi su cartine topografiche ufficiali proprie di ciascun Paese. La scala variava da 1:20.000 a 1:50.000 e la cartina era essenzialmente caratterizzata da un particolare tipo di terreno tipico del Paese in questione.



Molto presto si é sentita la necessitá di cartine da gara standard che prestassero particolare attenzione alle esigenze tipiche dell'orientamento. Il primo documento ISOM fu steso al Congresso IOF a Doksy, in URSS, nel 1969. Questo documento non era ancora una "norma" ma piuttosto una "linea guida", sebbene giá contenesse requisiti molto concreti.



Il secondo documento ISOM fu preparato nel 1975. Si trattava della prima serie di norme vincolanti da osservare nelle competizioni internazionali. Nel 1982 ha visto la luce il terzo documento ISOM, sistematicamente aggiornato sulla base dell'ISOM 1975. Il quarto documento, ISOM 1990, ha potuto essere stilato sulla base di quasi 20 anni di esperienza nel disegno di cartine per CO.



L'ISOM 1990 viene riconosciuto da tutti quasi come uno standard perfetto per la CO. É anche una base affidabile per una gara seria, un chiaro messaggio agli organizzatori dello stardand richiesto per una cartina, un chiaro messaggio agli atleti su cosa si devono aspettare da una cartina per prepararsi a una gara e, ultimo ma non meno importante, é una serie di regole ben accettate da un'ampia fetta di atleti e di federazioni affiliate alla IOF.



Perchè cambiare ISOM 1990?

Un prodotto giá buono può ancora essere migliorato. ISOM 1990 risente ancora delle tecniche di disegno manuali, con inchiostro o tramite incisione (scribing). L'uso sempre piú esteso dei rilievi effettuati con l'ausilio del computer permette ora di usufruire di nuove tecniche sia per disegnare che per stampare. In aggiunta alla CO, ancora la forma di orientamento piú diffuso, la IOF ha inserito in programma nuove forme di orientamento. Queste nuove possibilitá e tipologie di gara devono trovare posto nei documenti ISOM. Negli ultimi anni inoltre, alcune norme presenti in ISOM 1990 che permettevano una certa libertá, venivano usate dai rilevatori per esperimenti non sempre accettati nelle gare internazionali IOF. La revisione dell'ISOM 1990 dunque, prevede i seguenti cambiamenti:

· gli standard esistenti devono essere modificati per i rilievi a computer

· prendere in considerazione i nuovi metodi di stampa

· inserire le altre forme di orientamento

· stop all'abuso delle norme ISOM per gli esperimenti nelle competizioni IOF



ISOM 2000



L'uso della cartografia digitale, la variazione dei simboli, l'ampiezza delle linee conoscono come unico limite la stampa. Questo ci permette di dire addio alle tecniche tradizionali. Comunque, l'esatta aderenza alle norme oggi possibile, comporta anche un risultato indesiderato: le linee con ampiezza pari a 0,125 mm sono scarsamente visibili sulle cartine stampate. E ciò ha comportato la revisione di numerosi punti in ISOM 2000.



Un effetto collaterale della cartografia digitale é la possibilitá di generare la separazione dei colori nelle tre tinte di base, ciano, magenta e giallo nonchè il nero attingendoli direttamente dal file. In aggiunta al classico procedimento di stampa offset con almeno cinque colori puri, per le cartine da orientamento é ora possibile usare in alternativa la stampa a quattro colori. Questo procedimento é di particolare interesse in quanto prevede la possibilitá di stampare usando stampanti laser o a getto d'inchiostro. Sfortunatamente é difficile regolare la tonalitá con la stampa a quattro colori e spesso i margini delle linee risultano sfuocati. Entrambi gli effetti riducono la leggibilitá della cartina. Nonostante ciò, la stampa a quattro colori può ancora essere usata in determinate circostanze.



Le norme ISOM 2000 costituiscono ancora la base per disegnare le cartine necessarie per le altre forme di orientamento. Sia gli standard tecnici giá acquisiti (come la grossezza delle linee e la definizione dello schermo) e i simboli piú importanti dovrebbero essere gli stessi per tutte le forme di orientamento. Nonostante le caratteristiche comuni, speciali regole per la generalizzazione e ulteriori simboli o commenti sono necessari per lo sci-o, MTB-O, CO,

Park-O e Town-O.



In aggiunta ai cambiamenti generali sull'ampiezza delle linee e sulle norme per lo screen, ISOM 2000 ha anche cambiamenti specifici per la CO.



Domande aperte?



É importante osservare che il rapido sviluppo della riproduzione e delle tecniche di stampa e la crescente standardizzazione delle nuove discipline orientistiche richiederanno presto una revisione delle sezioni corrispondenti all'interno di ISOM 2000.



Nonostante il vivace dibattito in corso, ci sono ancora delle piccole questioni non ancora risolte. Dovranno aspettare la prossima versione aggiornata.



L'ISOM 2000 si può leggere all'indirizzo http://lazarus.elte.hu/tajfutas/isom2000



*********************************************************************



COMMISSIONE IOF - NOTIZIE IN BREVE



Commissione cartine:



Durante la settimana dei WOC si é svolta con successo la conferenza ICOM con 34 delegati e relatori da 17 Paesi. La conferenza prevedeva degli interventi a proposito di: cartografia per l'orientamento in Inghilterra, la realizzazione di cartine CO, la stampa a quattro colori e la discussione degli impegni della Commissione cartine.



ISOM 2000, Le Norme Internazionali per le Cartine da Orientamento (International Specification for Orienteering Maps): durante la conferenza ICOM '99 si é svolta con successo la presentazione delle nuove norme e tutte le piú importanti proposte di cambiamento sono state accettate. Alcune questioni sono state lasciate alla Commissione cartine per la decisione finale.



La Commissione cartine ha stabilito che:

§ i gradi di percorribilitá siano di 100%-80%, 80%-60%, 60%20%, 20%-0%,

§ i simboli siano rinumerati per raggruppare insieme simboli simili e togliere eventuali posizioni numeriche vuote,

§ quando le cartine vengono ingrandite anche gli schermi (screens) vengano ingranditi nella stessa percentuale eccetto le percentuali di retinatura.

La versione finale dell'ISOM (Corsa d'orientamento) dovrá essere inserita nel sito web in quanto ci saranno dei ritardi nella stampa del libretto dovuti alle ultime stesure delle norme/linee guida relative alle altre discipline.



Il kit dell'istruttore: una dimostrazione del funzionamento del kit é avvenuta nel corso di

ICOM '99 e ne sono stati illustrati i componenti e gli accessori. Il lavoro si avvicina alla conclusione. Il kit sará inizialmente disponibile nel formato PDF su CD, sebbene verrá presa in considerazione una versione in HTML.



Progetto per la Qualitá delle Cartine: é stato inviato un questionario a tutti i controllori IOF; nel questionario si chiedevano commenti sulle esperienze dei controllori stessi e ciò che secondo loro era necessario per migliorare la qualitá delle cartine. In totale sono arrivate 32 risposte. I risultati del questionario sono stati presentati nel corso di ICOM '99.



Possibili nuovi progetti: con l'introduzione di ISOM '99 la commissione ha sentito la necessitá di istituire dei corsi di formazione per cartografi.



Commissione sci-orientamento:



La commissione si é riunita in occasione del primo round di gare della Coppa del Mondo 2000.



Una World Ranking List (cioé la classifica di merito degli orientisti in ambito internazionale; n.d.t.) di sci-orientamento verrá stilata nel 2001, e i moduli per l'adesione verranno prossimamente spediti alle Federazioni. Verranno presto preparate delle bozze per le norme che regoleranno i WRE 2001 (cioé gare valide ai fini dell'attribuzione del punteggio per la WRL; n.d.t.)



La commissione ha deciso di considerare la possibilitá di organizzare in autunno 2000 un corso per controllori di gare di sci-orientamento.





É stato notato che la Guida 2000 allo sci-orientamento Elite (2000 Guide to Elite Ski-Orienteering) é stata pubblicata e diffusa tra le federazioni, gli organizzatori e i giornalisti.



Kä're Kirkevik é stato delegato a rappresentare la Commissione sci-orientamento alle gare di Coppa del Mondo in Austria.



La Commissione prenderá contatti con la Federazione svedese di sci per sapere se concorda con le date proposte per le gare di Coppa del Mondo da tenersi in Svezia. Il programma definitivo per la Coppa del Mondo verrá approvato appena possibile.



I temi principali affrontati durante l'incontro del giorno precedente sono state le gare, le linee strategiche da seguire e le Olimpiadi. Tutti i Paesi presenti hanno approvato la proposta di inserire nel programma un'ulteriore gara di Coppa del Mondo da tenersi in Svezia.



I prossimi incontri: Alla fine di aprile o ai primi di maggio 2000 in Svizzera (Losanna) o in Italia (Sestriere/Torino), e al Congresso IOF a Graz, in Austria, la prima settimana di

agosto 2000.



Commissione Corsa d'orientamento su sentiero (Trail Orienteering Committee):



Il comitato si é riunito in occasione dei Campionati del Mondo Master di Orientamento (World Masters Orienteering Championships) tenutisi a Feilding, in Nuova Zelanda. La dimostrazione della Corsa d'Orientamento su sentiero (Trail Orienteering) avvenuta nel corso della gara Promozionale (Model event) si é svolta con successo. Oltre 200 persone hanno voluto provare le lanterne, delle quali molte si sono fermate poi a lungo a parlarne.



Durante il dibattito fu dato ampio spazio alle nuove linee strategiche da seguire per la Corsa d'Orientamento. Per il prossimo incontro di aprile verrá stesa una proposta. Si é visto che un tale documento deve mostrare la credibilitá di questa disciplina sportiva. Con la preparazione delle norme aggiornate usando lo stesso formato delle altre discipline, sono state anche preparate le licenze dei controllori e i risultati raggiunti nelle gare internazionali. C'é una continua richiesta di gare promozionali, come nel caso della gara tenutasi in Nuova Zelanda, per diffondere l'esistenza di questa forma d'orientamento e soprattutto sfatare la convinzione che il Trail-O sia soltanto per disabili. Ha una portata ben piú ampia ed é un utile strumento per far conoscere l'orientamento a molte persone.



A tutte le Federazioni verranno chiesti i dati dei propri rappresentanti. Verranno inoltre chieste informazioni su iniziative di promozione e una lista delle gare e dei siti web cosí che queste informazioni possano conglobare nel sito www.trailo.org

I resoconti delle persone che hanno frequentato il corso IOF per Controllori di Corsa d'Orientamento su Sentiero pervenutici attraverso le Federazioni Nazionali sono state prese in esame dall'ESC. Un controllore autorizzato sará presente in ciascuna delle gare previste per la Coppa del Mondo.



É stato confermato che il 4° giorno dell'O-Ringen 2000 (27 luglio) é anche una prova di Coppa del Mondo. Si é stabilito di seguire i criteri di scelta usati in Scozia e proposti per le gare in Ucraina, cioé: "Le squadre nazionali fino a tre persone di entrambi i sessi che abbiano difficoltá motorie gareggeranno nella categoria èlite". I risultati saranno aggiunti a quelli ottenuti dalle rispettive nazioni nelle gare in Ucraina per il raggiungimento della posizione finale.



I prossimi incontri si svolgeranno l'11-12 marzo a Copenaghen in Danimarca e il 2 e 5 agosto in occasione del Congresso IOF a Graz, in Austria.





************************************************************************





DIECI CITTA' SI SONO OFFERTE PER OSPITARE LE OLIMPIADI 2008



Dieci cittá hanno ufficialmente espresso il loro interesse nell'ospitare le Olimpiadi del 2008. Le cittá sono: Bangkok (Tailandia), Pechino (Repubblica Popolare Cinese), Cairo (Egitto), L'Avana (Cuba), Istanbul (Turchia), Kuala Lumpur (Malesia), Osaka (Giappone), Parigi (Francia), Siviglia (Spagna) e Toronto (Canada).



I Comitati Olimpici Nazionali (NOC) avevano tempo fino alla mezzanotte del 1 febbraio per far sapere al Comitato Olimpico Internazionale (IOC) che una cittá all'interno della propria giurisdizione era interessata alla candidatura. Nessuna cittá sará ufficialmente candidata fintantochè non verrá eletta come tale dall'Organo Esecutivo IOC nel corso di quest'anno. La cittá che ospiterá le XXIX Olimpiadi nel 2008 verrá scelta a Mosca nel luglio 2001.



PARTNER UFFICIALI FISO